Sistema di pagamento a consumo dell’energia elettrica utilizzando carte elettroniche

campeggi

Introduzione

Al giorno d’oggi agli operatori turistici si presenta un grave problema commerciale: come far pagare ai clienti il consumo d’energia elettrica in base al vero utilizzo, visto l’attuale alto costo della stessa.
Infatti il pericolo è che gli operatori non riescano a ribaltare sui clienti i costi energetici o che lo facciano in modo indiscriminato, creando malcontento con gravi risvolti negativi dal punto di vista commerciale.
Il Sistema proposto è stato progettato per dare agli operatori turistici uno strumento economico e flessibile per far pagare a consumo l’utilizzo dei condizionatori d’aria nei bungalow e delle colonnine elettriche delle piazzole per tende e campers.
Infatti inserendo degli importi prepagati sulle carte dei clienti, questi sono in grado di usufruire dei servizi suddetti solo quando ne hanno bisogno, pagando solo il vero utilizzo.

Un'altra applicazione molto importante è il pagamento automatizzato dell'illuminazione dei campi sportivi, nei casi in cui non sia presente del personale di controllo.
Infatti inserendo degli importi prepagati sulle carte dei clienti, questi sono in grado di usufruire dei campi indipendentemente dalla presenza di personale nel Centro sportivo, pagando solo il vero utilizzo.

La soluzione

Per dare una soluzione tecnica a questo problema, bisogna installare su ogni utenza elettrica un’apparecchiatura che misuri continuamente l’effettivo consumo di energia elettrica, creando i presupposti per un corretto pagamento basato sulle tariffe correnti.
Ciò può essere fatto collegando le apparecchiature ad un Centro di controllo computerizzato, che immagazzini i dati per il pagamento finale dei singoli clienti.
Questa soluzione richiede il cablaggio dell’intera struttura e l’utilizzo di apparecchiature molto sofisticate, con proibitivi costi d’installazione e di mantenimento.
La soluzione ottimale è un’apparecchiatura “Stand-Alone”, che sia in grado di misurare con precisione il consumo di corrente elettrica e che scali su carte prepagate a memoria l’importo stabilito dalla tariffa adottata.
Ovviamente questa apparecchiatura permette l’erogazione della corrente solo se si è in possesso di una carta valida, con un prepagato sufficiente e con il numero della propria utenza.
All’esaurimento del prepagato, l’erogazione viene bloccata, fino alla ricarica della carta.

In che consiste

La strategia installativa è quella di inserire sulla linea elettrica da far pagare un Misuratore di Corrente (EMU) ed un Relè per l’interruzione dell’erogazione della stessa.
Il Misuratore ed il Relè sono collegati ad un’Apparecchiatura di controllo (CPU) con 4 fili.
In questo modo si possono coprire tutte le esigenze.
Infatti esistono Apparecchiature di controllo da 1 a 8 linee di corrente.
Quindi per i bungalow è sufficiente un’Apparecchiatura di controllo ad 1 utenza insieme ad 1 Misuratore ed 1 Relè (Fig. 1). Su richiesta si può avere il tutto assemblato in una Centralina unica (Fig. 2). Questa Unità di controllo può gestire anche 2 Misuratori e 2 Relè.
Per Colonnine o Pannelli di erogazione dell’energia fino a 4 utenze, è disponibile un’Apparecchiatura di controllo multipla da 4 con display. In questo caso la fornitura comprende 1 Unità di controllo, da 1 a 4 Misuratori, da 1 a 4 Relè (Fig. 3).
Per Colonnine o Pannelli di erogazione dell’energia fino a 8 utenze, è disponibile un’Apparecchiatura di controllo multipla da 8 con display. In questo caso la fornitura comprende 1 Unità di controllo, da 1 a 8 Misuratori, da 1 a 8 Relè (Fig. 4).
Per Colonnine o Pannelli, questa strategia a mosaico risulta vincente perché permette di non cambiare le strutture esistenti, inserendo al loro interno dei piccoli misuratori e relè ed installando in vicinanza la Unità di controllo. Inoltre i costi vengono abbattuti pesantemente perché i costi delle Unità di controllo vengono divisi per il numero di linee controllate (da 1 a 8).

campeggi figura 1
Fig. 1
campeggi figura 2
Fig. 2
campeggi figura 3
Fig. 3
campeggi figura 4
Fig. 4